speranza-crisanti-conte-covid

Non ho mai seguito eccessivamente la politica e sono sempre stato uno di quelli che veniva additato come menefreghista, qualunquista, ignorante, noncapiscinientista, lapoliticaèimportantista, l’uomoèunanimalepolitichista, Di Battista, no, forse questo non si sono mai azzardati a dirmelo. O almeno non me ne sono mai interessato troppo, nonostante fossi sempre un minimo aggiornato al momento delle elezioni, ma solo per capire quale fosse il modo più efficace per annullare la scheda: se scrivendo “politicacca” o un più maturo “aridatece i soldi, ladri”. Non starò quindi qui a raccontare il motivo per cui il mondo della politica, che dovrebbe rappresentare futuro e speranza di una società migliore…no, aspettate, il Ministro Speranza non lo voglio nemmeno nominare. Facciamo una cosa, poi questa parte la cancelliamo dai, ripartiamo.
Non starò quindi qui a raccontare il motivo per cui il mondo politico, che dovrebbe rappresentare futuro e prospettiva di una società migliore, non mi abbia mai convinto troppo, ma cercherò di spiegare quanto io sia riuscito a perdere quella poca fiducia che riponevo nella classe dirigente italiana durante la pandemia attraverso una serie di errori, incertezze, scandali, comunicazioni sbagliate da parte del Governo e di tutti quelli che ci girano attorno, senza fare nomi e cognomi, ma con la Speranza che possiate intuirli da soli.


COVID-POLITICA ITALIANA 19: POSITIVO!


Un anno di folle politica italiana quindi… Facciamo un recap:

– Scoppiano i primi casi in Italia ma si invitano le persone a continuare a vivere e a fare aperitivi, soprattutto perché è improbabile che un virus sviluppatosi in Cina possa arrivare in Italia con le frontiere aperte, la globalizzazione, Roma Caput Mundi, Milano Caput Economia, Firenze ‘ca puttà ma che ve lo devo dire io che siamo tutti mischiati?

– Non vi era disponibilità di mascherine e quindi, nella più totale confusione, si è lasciata la parola a medici e virologi per capire se potessero effettivamente bloccare il contagio o no. Qualcuno diceva di sì, qualcuno di no, o meglio solo se si era positivi, altri invece se la mettevano in faccia per poi abbassarsela e dire “Regà, so’ Lillo”.

via GIPHY

via GIPHY



– Si è partiti con l’isolamento esclusivo di alcuni luoghi frequentati dal paziente 0 come singoli hotel, palestre, parchi, quartieri, porti, ah no quello era Salvini, paesini, città, tutta Italia per par condicio altrimenti i lombardi ci rimanevano male. Alla fine si è chiuso pure il buco dell’ozono.

– “Ma tranquilli, sarà per poco e poi non avremo più lockdahahahahahha”.


– Le frontiere con il resto del mondo sono state chiuse in modo tardivo, solo una volta che ci si era assicurati di poter far girare bene il virus, avere delle varianti e poter creare un bel torneo di calcio internazionale, perché si sa che in Italia il calcio è sempre al primo posto. Altro che politica.


– Una volta portati i casi al minimo in seguito al primo lockdown si è deciso di riaprire tutto come non ci fosse un domani, che effettivamente, a posteriori, non c’era. Vai con discoteche, viaggi all’estero, “abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bene che l’Italia è campione del tonto”.


– Scoppiati i primi cluster in Sardegna a fine luglio sono serviti 20 giorni per prendere la decisione di istituire il tampone “non obbligatorio ma guarda che se te lo fai è mejo, no veramente noi mettiamo dei tendoni al porto e chi vuole lo fa chi no no figurati non c’è problema ma se avete un’offerta lasciatela nel cestello grazie”.


– Scoppiati i primi cluster nella comunità del Bangladesh a fine luglio sono serviti 20 giorni per istituire il tampone “non obbligatorio ma guarda che se te lo fai è mejo, no veramente noi mettiamo dei tendoni in aeroporto e chi vuole lo fa chi no no figurati non c’è problema ma se avete un’offerta lasciatela nel cestello grazie” per coloro che rientravano dall’estero.


– “Il tracciamento è importante, scovare i casi e risalire ai possibili contatti”. Sembro io quando chiedo a mio fratello di rintracciarmi il costume da dinosauro ordinato su Amazon e che dovrebbe arrivare domani con la DHL. Funziona meglio, di solito.


– “Scaricatevi l’app Immuni che vi controlla ma in realtà non vi controlla perché funziona con il Bluetooth quindi capito? Lui individua che siete in un posto con altre 20 persone perché capta il segnale di ognuno ma in mezzo c’è un positivo quindi ti avverte che ti devi cagare sotto perché potresti essere contagiato, sì tu, dico proprio a te e mo’ vatti a fare il tampone ma ti giuro che non ti ho tracciato e non so niente di te”. Scaricata da 21 persone.


– “Vabbè col Cashback vi ridiamo i soldi”. Scaricata anche in Tibet.


– E comunque (mi permetto di dare un giudizio personale) siete degli incoscienti voi che andate in vacanza in un momento del genere, soprattutto dopo che il Governo vi ha dato il bonus per farlo. Come se una donna vi dicesse “fate come volete” e voi lo fate veramente.


– Banchi con le rotelle per la sicurezza degli alunni. Ma non sono arrivati per settembre quindi boh, avranno trovato traffico sul Raccordo.


– Le scuole riaprono a settembre, un piccolo passo per l’uomo ma un grande rettilineo per i banchi con le rotelle imbottigliati nel traffico. Richiudono due giorni dopo perché il protocollo, arrivato due giorni prima ma entro la mezzanotte, prevedeva di richiuderle al primo caso di Covid.


– “I mezzi pubblici sono un problema, per questo non faremo niente, sentite questa casa non è un albergo e non possiamo pensare a tutto noi, assumetevi le vostre responsabilità e riordinatevi la camera che tanto ci passerete tutto il prossimo anno”


– “Restate a casa il più possibile ma allo stesso tempo andate a comprare nei negozi italiani per rilanciare l’economia, evitate acquisti online che poi il fratello di Iacopo non riesce a tracciare tutti gli ordini, ma non assembratevi nei negozi italiani per rilanciare l’economia. “Eh ma a voi cittadini non va bene mai nulla”


– L’Italia viene divisa in zone creando un divertentissimo gioco tra i cittadini che possono fare a gara a chi chiude più cose. Tipo quello che si faceva da bambini “rosso tuo chiuso”.


– L’Italia viene divisa in zone gialle, arancioni e rosse. Certo, perché qui siamo tutti tifosi della Roma secondo voi? Ma ve l’abbiamo detto che il calcio è la cosa più importante…


– L’Italia viene divisa in zone e ogni venerdì si attende l’assegnazione e il nuovo cambio di colore manco fosse una conferenza di Conte con tanto di scommesse, quote, reazioni a caldo, reazioni a freddo, reazioni a tiepido, articoli dal titolo “ECCO LE NUOVE REGOLE PER IL CAMBIO DI ZONA”, merchandising, gratta e vinci, grattati che altrimenti finisci in zona nera, estrazione del lotto, e tante altre novità insieme al cofanetto in regalo del cambio di zona.


È uscita la zona bianca, per chi non tifasse Roma. Il calcio sempre al primo posto.


– Vengono eliminate le zone gialle, così de botto senza senso.


– Si sta sviluppando la variante inglese che è più contagiosa quindi bisogna chiudere tutto. Bene, ora che la variante inglese è diventata predominante dobbiamo difenderla ed evitare che torni l’originale, richiudiamo tutto.


Gli impianti sciistici possono riaprire.


– “Dai ma vi pare che ci avete creduto? Era un Pesce d’Aprile non è che dobbiamo stare qui a spiegarvelo il giorno prima della riapertura. Come? Oggi non è Pesce d’Aprile? E non possiamo farvi comunque uno scherzo? Ah, non possiamo?”


– “Chiudiamo ora per riabbracciarci doMAI” Che poi ma chi te vole abbraccià scusa?


– L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul coprifuoco. La sovranità appartiene alle mascherine all’aperto che la esercitano nelle forme e nei limiti del “mi si appannano gli occhiali”


– Non viene permesso lo spostamento tra regioni ma sono consentiti viaggi all’estero. E dai su, facciamola ripartire l’economia spagnola altrimenti ci salta pure l’Erasmus dell’anno prossimo.


– “Bisogna iniziare a programmare il momento in cui programmeremo il giorno in cui si comincerà a programmare quella che sarà la programmazione delle riaperture. E quel giorno sarà nel 2047, quando ci sarà un completo ritorno alla normalità”

E così, ragazzi, sono risultato positivo alla politica italiana.

EHI, ASPETTA UN ATTIMO!

Devi fare acquisti su Amazon? Allora falli accedendo dal seguente link! Offrirai un contributo alla nostra redazione e darai una mano a far sviluppare la follia di un progetto incoerente!

Non vuoi perderti nessun nostro articolo? Vuoi avviare una conversazione politicamente incoerente con noi? Ebbene, allora non puoi non entrare nel nostro nuovo gruppo Telegram! Ti aspettiamo-> CLICCA QUI PER ADERIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni