donald-trump-orlando-si-ricandida

C’è chi dice si sia ritirato a vita privata. Baggianate, così penso io. No, per me è ancora in circolazione.

via GIPHY

Ci puoi scommettere, vecchio Hagrid, che poi non sei altro che un’estensione della nostra coscienza. Donald Trump c’è, non molla l’osso, e mette le basi per il suo futuro politico. Vivo, vegeto, e con capelli grigi che non suscitano più scalpore alcuno, l’ex Presidente degli USA ha fatto riapparizione pubblica. È successo ad Orlando, dove si è tenuta l’annuale Conferenza dei conservatori americani (Cpac) un evento a cui non poteva proprio mancare, icona dell’americano conservatore a suon di riletture ed esegesi del fu American dream. La sua presenza ha tutta l’aria di non essere casuale, ma ben studiata e architettata: un primo piccolo tassello per rimettere la testa fuori casa, per rammentare al mondo che lui c’è e ci sarà, per arredare il primo tassello che comporrà – forse – la sua futura campagna elettore. Dunque, si candiderà oppure no nel 2024?

Trump si ricandida nel 2024?

“Queste elezioni sono state truccate, hanno cambiato l’esito del voto. E’ una vergogna. Gli abusi del 2020 non devono accadere mai più, non dobbiamo piu’ permetterlo” inizia così il suo speech, facendoci capire che il Trump perde il pelo ma non il vizio. L’urlo ai brogli continua, non s’arresta, è un urlo che è ancora vivo e che cerca di chiamare a raccolta i followers più vicini: li vuole sul pezzo, arrabbiati, pronti a dare supporto nei prossimi 4 anni. Capiamo già da questo che l’avventura politica, nella vita di Trump, è lungi dall’essere terminata. Altro elemento che possiamo evincere dallo show di Orlando è la campagna permanente e continua contro Joe Biden: “Joe Biden e’ un disastro, il suo primo mese e’ stato terribile”. Mette subito le cose in chiaro, cerca di far capire agli americani, a quelli veri – nella sua visione – quanto Biden sia in disarmonia con la vera America. Nella sua visione, sempre, ovvio. Nel concreto elude la risposta sulla ricadidatura: “Potrei” ma poi offre uno spiraglio a cui aggrapparci: “Il mio lavoro non è terminato”. Parole che sono più di un indizio, Trump sembra davvero indirizzato a ricandidarsi in vista delle elezioni Usa 2024. Ma sotto quale simbolo: arroccato all’elefantino dei Repubblicani oppure in solitaria, da indipendente? Anche qui, Donald, non lascia spazio alle interpretazioni: “Nessun nuovo partito! E’ una fake news, vogliono solo dividerci”. Insomma, è chiaro: Trump pare intenzionato a ricandidarsi, lo farà con il Partito Repubblicano, lo farà con un tema di campagna elettorale in opposizione a Biden e che proverà a suscitare – al suo target – la sensazione delle elezioni ingiustamente rubate nel 2020. Quindi, la narrazione sarà plasmata sulla ripresa: della White House, del Paese, dell’America.

C’è anche un altro spoiler, e lo evinciamo dal sito ufficiale di Donald Trump.

Trump Save America, si ricandida nel 2024?

Donald Trump non solo ha ancora ativo il sistema di fundraising che permette agli utenti di fare donazioni in capo all’ex Presidente (chissà per cosa) ma ha anche messo in bella vista quello che potrebbe essere il claim della sua futura campagna elettorale: SAVE AMERICA. Donald ci ha regalato uno spoiler niente male, il tema della sua campagna nel 2024 potrebbe essere salviamo l’America per tornare a renderla grande (make America great again). Si tratta di un claim coerente, convincente, emotivo e finanche inclusivo: potrebbe avere la forza giusta per richiamare a raccolta i followers più vicini al profilo trumpiano. Salvare l’America dalla deriva radical left che ha assunto con il ticket Biden-Harris. Una narrazione che, con un timing di larghissimo anticipo, Trump ha già iniziato tessere. Le sue parole ad Orlando lo hanno confermato in maniera lapalissiana: “Combatteremo contro l’assalto del socialismo ai notri valori. Con Biden siete passati dall’America First all’America Last”. Insomma, Trump non ha sciolto le riserve in forma ufficiale, non ci ha detto direttamente se si ricandiderà oppure no nel 2024, ma gli indizi vanno tutti nella stessa direzione. Il Tycoon ha già iniziato la strategia per il ritorno in scena. Sì, Trump si ricandida. Noi ci scommettiamo.

EHI, ASPETTA UN ATTIMO!

Devi fare acquisti su Amazon? Allora falli accedendo dal seguente link! Offrirai un contributo alla nostra redazione e darai una mano a far sviluppare la follia di un progetto incoerente!

Di Giovanni Manco

Giornalista. Consulente per la comunicazione politica ed il marketing elettorale. Classe 1995. Decisamente incoerente. Forse. Scrivimi: giovanni.manco@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni google-site-verification: googlec94f9c0de2af4eca.html