Site icon Politicamente Incoerenti – Blog di comunicazione politica

Giuseppe Conte a Latina, un po’ di cose che ho notato

giuseppe-conte-latina-palco

Il comizio di Giuseppe Conte a Latina

Oggi è venuto Giuseppe Conte a Latina, ed io ero lì. Mi sono recato presso il parco Falcone Borsellino ed ho atteso il suo arrivo. Un po’ per curiosità, un po’ perché non avevo niente da fare (la mia tesi di laurea ringrazia ammiccando), un po’ per deformazione professionale. Appena giunto, la folla è andata in visibilio, ed il primo pensiero che ho avuto è stato proprio questo: capista, quanta presa che ha ancora Giuseppi! Il mio primissmo articolo di questo blog aveva un titolo abbastanza eloquente: Stupido Sexy Giuseppe Conte. Proprio per l’hype che fu capace di generare quando divenne leader simbolico della lotta al Covid. Un hype che persiste ancora, a quanto pare.

Sceso dalla macchina, si è fermato nei pressi di una delle entrate del parco comunale per un immancabile punto con la stampa. Io ero lì, lo osservavo.

Mascherina abbassata e via a parlare. Però cavolo quanta gente, davvero tanta, troppa. Nel senso: non saranno un po’ troppe persone ammassate e vicine? Ecco una foto da un’altra prospettiva per rendere l’idea.

Non si vede ma Conte è posizionato proprio in mezzo a tutte queste persone. Io lo so perché beh, non so se già l’ho detto, ma io ero lì.

Finito di parlare con i colleghi, il Presidente del Movimento 5 Stelle si è recato nel cuore del parco per salire su un palco ed iniziare il suo comizio al fianco di Gianluca Bono, candidato per il M5s alle elezioni amministrative di Latina. Conte era lì – anche io, anche io ero lì! – per sostenere il candidato pentastellato, così come sta facendo in giro per l’Italia in questi giorni.

Cosa ha detto Conte a Latina

E allora andiamo al sodo. Visto che ero lì, beccatevi un po’ di miei appunti sparsi:

Alla fine però, andandomene via, ho pensato solo ad una cosa: caspita quanta gente però, e che assembramento! E quindi mi sono immaginato di aver l’occasione per poter fare una domanda – in qualità di giornalista – a Conte. Una sola. “Presidente – gli avrei detto – cosa pensa che direbbe Fedez nel vedere tutta questa gente oggi a Latina?”.

Ma questa domanda – anche se ero lì – non ho avuto modo di fargliela. E non gliel’ha fatta nessuno, credo. E quindi lui potrà continuare a usare il personaggio Fedez – uno capace più dei politici ad intercettare certi target – per farsi figo predicando bene e razzolando così così.

Non vuoi perderti nessun nostro articolo? Vuoi avviare una conversazione politicamente incoerente con noi? Ebbene, allora non puoi non entrare nel nostro nuovo gruppo Telegram! Ti aspettiamo-> CLICCA QUI PER ADERIRE

Exit mobile version